31 lug 2015
luglio 31, 2015

L’arte del sonno

facebookgoogle_plus

EgoformDormire bene, nelle condizioni più favorevoli, nel luogo più propizio è fondamentale per molti aspetti della propria vita.

In primo luogo per la salute, ma anche per la felicità coniugale, per i rapporti con gli altri, persino per il lavoro, anche perché dormiamo per quasi un terzo della nostra vita.

Per questo è essenziale forma e posizione del letto e della camera da letto ed a seconda di come è fatta influenza positivamente o negativamente la nostra esistenza.

Per la bioarchitettura, la scienza moderna che cerca di costruire abitazioni in armonia con le leggi naturali e quindi la fisiologia umana, questi influssi riguardano la salute fisica e psichica.

Per il Feng Shui, l’arte tradizionale cinese che si prefigge di armonizzare le energie degli oggetti e delle case con quelle degli esseri umani, tali influssi agiscono su tutti i campi della vita di una persona.

Nel 90 % dei casi la stanza da letto viene purtroppo degradata ad ampliamento del soggiorno. Ci si mette lo stesso tipo di mobile, televisori ed impianti stereo, senza dare grande peso agli influssi negativi che producono.

Una buona camera da letto invece deve trasmettere calore e tranquillità perché, anche durante il sonno, assimiliamo gli influssi dell’ambiente che ci circonda, determinanti per la qualità del riposo notturno.

Un gran peso hanno rumori, odori e sensazioni date dai colori, ma anche i campi magnetici dei quali coscientemente da svegli non ce ne accorgiamo.

LA STANZA DA LETTO COLLOCATA NELLA PARTE PIU’ A NORD DELLA CASA

negli ambienti più freschi, perché i campi elettromagnetici tendono ad espandersi verso sud.

Il letto deve essere quindi con la testa rivolta a nord( se ci corichiamo secondo la linea sud-nord la pressione arteriosa è più bassa per la presenza di ferro nel nostro sangue che segue il flusso magnetico naturale).

Evitare inoltre letti con strutture in metallo o parti metalliche nei materassi (molle) perché hanno influssi magnetici negativi sul nostro organismo che è composto prevalentemente da protoni ed evitare di tenere apparecchiature elettriche che danneggiano l’ipofisi.

Evitare o coprire gli specchi presenti nella stanza( gli specchi riflettono i fotoni che sono delle particelle che veicolano l’energia elettromagnetica enfatizzandone gli effetti). Usare materiali naturali ed ecologici (pitture, pavimentazioni, tessuti) per la realizzazione o ristrutturazione della stanza(i materiali sintetici producono elettricità elettrostatica, la ionizzazione dell’aria, attirano la polvere e rilasciano sostanze tossiche).

Tinteggiare le pareti con colori “freddi” ed “espansivi” con toni dal verde all’azzurro che favoriscono il rilassamento e rinfrescano l’ambiente favorendo il sonno.

PER DORMIRE BENE BISOGNA:

  • al mattino esporsi alla luce, facendo una passeggiata ed esercizio fisico ,
  • un bagno caldo alla sera innalza la temperatura del corpo, che diminuisce immediatamente al momento di coricarsi, favorendo così il sonno,
  • evitare di assumere caffeina dopo cena in qualsiasi forma, poiché stimola i centri della vigilanza del cervello e può causare insonnia,
  • il consumo di alcol alla sera può favorire il sonno che però risulta spesso interrotto e leggero (l’alcol inibisce la secrezione di melatonina e sopprime la fase delta),
  • limitare l’assunzione di liquidi a tarda sera, potrebbe costringere ad andare in bagno durante la notte,
  • evitare pasti troppo pesanti, potrebbero interferire con il sonno,
  • cessare qualsiasi attività mentale molto impegnativa almeno un’ora prima di coricarsi,
  • andare a letto solo quando si è assonnati ed evitare di usare il letto per guardare la televisione,
  • mangiare, leggere o giocare con il computer.

UN ESERCIZIO PER ADDORMENTARSI

Nel vostro letto pronti per dormire, chiudete gli occhi e ascoltate il vostro respiro, sentitelo entrare in voi e uscire con ritmo calmo, lento e tranquillo, mentre tutte le tensioni si allontanano.

Poco a poco la calma scenderà sempre più giù’ alle altre parti del vostro corpo, fino a che sarete completamente distesi; continuate ad ascoltare il vostro respiro, calmo, lento, tranquillo, ritmico.

Immaginate un grande schermo che prende tutto il vostro campo visivo e che assume i colori dell’arcobaleno, uno alla volta: rosso e il vostro corpo si rilassa totalmente, arancio e le vostre emozioni si liberano completamente, giallo e la vostra mente si svuota fino in fondo, verde e arriva pace e tranquillità, blu che vi riempie di amore, indaco e vi sentite in contatto con la vostra interiorità, violetto e siete in contatto con la vostra spiritualità.

Ora immaginate di essere in un posto molto bello, dove vi sentite perfettamente a vostro agio, calmi rilassati e ripetetevi mentalmente che dormirete un sonno molto profondo e ristoratore e che vi sveglierete bene. Lasciatevi scivolare dolcemente nel sonno e se avete ancora difficoltà continuate ad ascoltare il ritmo lento del vostro respiro.

 

facebookgoogle_plusmail